Quasi del tutto incomprensibile per chi non sia pugliese o perlomeno meridionale, il lessico dialettale barese – di origine romanza – è costituito per la maggior parte di vocaboli derivanti dal latino plebeo o volgare, così come del resto si verifica per tutte quante le regioni centro meridionali della nostra Penisola. Non mancano tuttavia, fra le sue componenti, elementi abbastanza numerosi di derivazione greca, dovuti in parte alla presenza in Puglia, fra l’VIII e il VI sec. a. C., di fiorenti colonie della Magna Grecia, e in parte al fatto che la città fu soggetta al dominio di Bisanzio fino al 1071, quando venne conquistata dai normanni di Roberto il Guiscardo.
Insieme agli elementi latini e greci, cospicue sono pure le tracce di parlate germaniche, lasciate dal passaggio delle invasioni barbariche; di arabo, radicatesi in maniera abbastanza profonda, durante il IX sec., quando Bari fu per 30 anni sede di un potente emirato musulmano, nonché in dipendenza dei frequenti rapporti commerciali con l’Oriente; di francese e di spagnolo, a causa della dominazione normanna, angioina, aragonese, ecc. che si avvicendarono nel corso dei secoli.
La parlata dialettale barese rappresenta quindi una specie di tessuto connettivo fra il passato e il presente, nel quale ogni epoca o avvenimento ha lasciato dei segni che, a somiglianza di altrettanti residui fossili, offrono testimonianze innumerevoli intorno all’antichità della storia barese, ai contatti avuti con gli stranieri e ai costumi del luogo. Tanto per citare qualche esempio, l’espressione “te fazzeche a n’ore de notte” (ti faccio nero di botte come lo è un’ora di notte) sta per ricordare che, nell’antico computo del tempo, la notte si considerava cominciata un’ora dopo il tramonto del sole. L’espressione “sguizze”, sinonimo di lestofante, deriva da Svizzero ed è il ricordo della sgradita presenza dei soldati svizzeri di guarnigione nel locale castello, in qualità di truppe mercenarie.
L’espressione “filècènze”, usata dai bambini per interrompere momentaneamente l’osservanza delle regole di un gioco in corso, è una reminescenza del “sit cum licentia” dei bimbi romani. Il grido “a le saracine”, con cui i monelli usavano in passato accompagnare la sassaiola fra i gruppi rivali, non è altro che una illusione alle difese cui si doveva ricorrere anticamente per fermare le frequenti irruzioni saracene lungo la costa.
Si potrebbe andare avanti molto a lungo con le esemplificazioni, ma preferiamo sottolineare almeno la ricchezza straordinaria del lessico barese che, fra le sue tante possibilità, offre persino quella di tradurre in una cinquantina di modi la parola italiana “schiaffo”, o magari l’altra di nominare i sette giorni della settimana e di aggiungerne un ottavo, senza adoperare i soliti nomi, per cui si ha: “josce”, “cra”, “pescrà”, “pescridde”, “pescrudde”, “aijre”, “nestèrze”, “dia tèrze” (oggi, domani, dopodomani, fra due giorni, fra tre giorni, ieri, avantieri, l’altro giorno prima di avantieri).

In provincia esistono dialetti molto simili al dialetto barese, ma che cambiano cadenza e “vocale”. Ecco alcuni esempi.

Ci jié? = Che c’è? (Barese)
Ce je? = Che c’è? (Bitettese)
Ce d’è? = Che c’è? (Grumese e Palese)
Ce jièy? = Che c’è? (Bitontino)
Ce da? = Che c’è? (Terlizzese)

Com tu à disce? = Come te lo devo dire? (Barese)
Com tu ja dasic? = Come te lo devo dire? (Bitettese)
Com tu ja dóic? = Come te lo devo dire? (Bitontino)
Com tu ja dòisc? = Come te lo devo dire? (Palese)
Camm t l’aggja dìsc? = Come te lo devo dire? (Gravinese)
Accam tua d?isc? = Come te lo devo dire? (Terlizzese)

Si accattate la frutte? = Hai comprato la frutta? (Barese e Bitettese)
Si accattat la frèt? = Hai comprato la frutta? (Barlettano)
Si accatteute la frutte? = Hai comprato la frutta? (Bitontino)
Si accat?t la frott? = Hai comprato la frutta? (Terlizzese)

N’ama sci in vill? = Ce ne andiamo in villa? (Barese)
N’ama sciaij alla vail? = Ce ne andiamo in villa? (Molfettese)
N’ama scioij alla voil? = Ce ne andiamo in villa? (Palese)
N’ama sciaj alla vill? = Ce ne andiamo in villa? (Bitettese)
N’ama scè alla veil? = Ce ne andiamo in villa? (Barlettano)
N’ama sci in vhl? = Ce ne andiamo in villa? (Grumese)
N’ama scioij alla vill? = Ce ne andiamo in villa? (Bitontino)
N’ama scij menz alla vill? = Ce ne andiamo in villa? (Gravinese)
N’ama sc?j? mezz alla vell? = Ce ne andiamo in villa? (Terlizzese)

Nan s vet u tren. = Non si vede il treno (Barese)
Nan z vait u train. = Non si vede il treno (Bitontino)
Nan z vait u tren. = Non si vede il treno (Terlizzese)

Proverbi in barese

  • Carna triste non la vole u diàue e manghe Criste (La gente cattiva non l’accetta nemmeno Dio) 
  • Ce bedde uè parè u uess pezzidde t’àv’a duè (Chi bello vuole apparire, un poco deve soffrire) 
  • Sanda Tarese pagò pe sendì e iì sèndeche ndune (letteralmente: Santa Teresa pagò per sentire e io sento gratis; ossia: è meglio che taci poiché dici cavolate) 
  • ‘U tavute non tene le palde (La bara non ha tasche; ovvero Una volta morto i soldi non servono. 
  • Nu tuffê do, nu tuffê dà, fing alla finê ngê’la ma fà (Riusciremo con calma) 
  • Ce nge n’am’a scì, sciamaninne, cê non nge ‘am’a scì, non nge ne sime scenne! (Se ce ne dobbiamo andare andiamocene, se non ce ne dobbiamo andare non ce ne andiamo. Scioglilingua per provare la “pugliesità” di un soggetto. 
  • ‘U pulpe se cosce iinda all’àcqua sojè (Il polpo si cucina nella sua acqua) 
  • Dalle e dalle che se chieche u metalle(Chi la dura la vince) 
  • Si fatte la fegura to! (Hai fatto la tua figura) 
  • Facime la fine de le scarcioffe’ (Facciamo la fine dei carciofi) 
  • Avime fatte trende, facimê trendune’ (Abbiamo fatto trenta, facciamo trentuno) 
  • Si cadutê da jind’au littê’ (Sei caduto da dentro il -lett. “al”- letto) 
  • Passatê u sande passate la feste! (Ogni cosa a suo tempo) 
  • Ammandìneme ca t’ammandenghe! (Mantienimi che ti mantengo) 
  • Stame sott’au cìele! (Siamo sotto il -lett. “al”- cielo)(notare come la ìe di cìele diventa, con la e semimuta una “i” allungata) 
  • E iune!…..disse cudde ca cecò l’ècchie a la megghiere’ (E uno!…disse quello che cecò un occhio alla moglie) 
  • Mazze e paneddê fàscene le fìgghie bedde; pane senza mazze fasce le fìgghie pazze (Bastone e pane fanno i figli garbati, pane senza bastone rende i figli sgarbati) 
  • U Padreterna da u pane a ci non tene le dìendê! (Il padreterno dà il pane a chi non ha i denti) 
  • Ci sckute ncìele mbacce le vene (Non sputare in cielo, poiché ti tornerà in faccia) 
  • La cere se strusce e la pregessione nan camine’ (Le risorse si consumano, ma il risultato non si vede) 
  • L’àcqquê iè picche e la papêrê nan gallegge’ (L’acqua è poca e la papera non galleggia, usato per indicare una qualsiasi intenzione che non può andare avanti per mancanza di possibilità) 
  • Jè bell la pulizie, dcie cudd ca s jrò l mutand all’ammers!!! (È un sollievo essere puliti, disse colui che indossò le mutande al contrario) 
  • U vov discj crnut o ciucc!!! (Il bue disse cornuto all’asino) 
  • Di a dà l schcaf a du a du fin a che non dvendn dispr!!! (Ti tiro i ceffoni a due alla volta fino a che non diventano dispari) 
  • Va a pigghj a schcaf l marang p fal dvndà rus!!! (Vai prendere a schiaffi le arance per farle diventare rosse) 
  • A scanjat caz p fcaz e chigghiun p lambashun!!! (Hai scambiato cazzi per focacce e coglioni per lamponi. Hai preso fischi per fiaschi) 
  • U uòmmene da la tèrre vène a la tèrre se ne và. (L’uomo dalla terra viene e alla terra va) 
  • Oggnùne tire l’àcquè a la vìa so. (Ognuno tira l’acqua al suo mulino) 
  • Arrèvate a la quarandìne lasse la fèmmene e ppìgghie la candìne. (Arrivato ai quarant’anni lascia la compagnia delle donne e frequenta quella degli amici) 
  • Le dìscete de la mane non zzò ttutte euàle. (Le dita della mano non sono tutte uguali) 
  • O uòmmene sènza varve e a ffèmmene senza fìgghie, non zi scènne né pe piacère né pe chenzzìgglie. (A giovani inesperti e donne senza figli non andare a chiedere consigli: non hanno esperienza) 
  • Na porte s’achiùte e ccìinde se iàbbrene. (Una porta si chiude e cento se ne aprono) 
  • U cemmerùte e ggamme settìle, non iè iòmmene pe ffà le file. (Il gobbo con gambe sottili non è uomo idoneo per fare figli) 
  • Nessciùne zzèppe iè dritte. (Nessuno zoppo è dritto. (Chi ha difetto fisico ha difetti nell’animo) 
  • Iòmmene pelùse iòmmene ferzzùse. (Uomo peloso uomo forte) 
  • U lènghe iè bbuène a ccògghie fiche, e u curte pe marìte. (L’uomo alto è buono per cogliere fichi, il basso è buono come marito) 
  • U muerte iè muerte, penzame a le vive. (Il morto è morto, ora pensiamo ai vivi) 
  • Ci tratte se mbbratte. (Chi tratta con lo zoppo impara a zoppicare) 
  • Nessciune nasce ambarate. (Nessuno nasce istruito) 
  • Cê non vole fà nu chilometre ne fasce du. (Chi non vuole fare un chilometro ne percorre due) 
  • U sàzie non crede au desciune. (Il sazio non crede all’affamato) 
  • Non si sckut iinde o piatt addò te si strafquate (Non sputare nel piatto da dove hai mangiato a sazietà: usato per chi parla male di qualcosa che gli ha permesso di vivere ad esempio un vecchio posto di lavoro) 
  • Na parole ié picche e due so assai (Una parola è poca e due sono troppe: usato per dire a chi parla troppo, di stare zitto) 
  • “Uè facce da du de novembre!!”(lett.-faccia da due novembre-ovvero faccia estremamente triste o brutta) 
  • “Uè facce da cicche e ciacche!!”(Faccia da schiaffi!!!!) 
  • “Iapre l’ècchie, ca ad achiùde non nge vole nudde!” (Apri gli occhi,perché a chiuderli ci metti poco,ovvero stai attento) 
  • “Megghj nu quindal n’guedd che nu quind n’gul” = meglio un quintale sulle spalle che un quinto(200g) nel deretano
  • “Na parol d men e rtirete a cast” = corrisponderebbe in italiano a la parola è d’argento ma il silenzio è d’oro. 
  • “L’acque ca non ha fatte, ‘n’ciele sta” = la pioggia che non è caduta è ancora in cielo, ovvero quello che ci si aspetta possa succedere, probabilmente succederà 
  • “C’ spart’, iav’ la megghia part'” = chi ripartisce qualcosa tra molti, tiene la parte migliore per sè 
  • “La figgh’ iè citt’, la mamm’ la ‘ndend'” = la madre capisce la figlia anche quando questa è in silenzio 
  • “Sanda N’col’ iè amand’ d’l’f’rastiir” = San Nicola è amante dei forestieri, ovvero Bari è una città aperta a tutti 
  • “La smbati’ iè parend’ a’la gocc'” = a volte la simpatia (o l’amore) tra due persone è inspiegabile quanto una morte improvvisa e accidentale 
  • “U curt non arriv e u frascd non ammanden'” = il basso non arriva ed il marcio non regge. Frase per indicare le avversità della vita 
  • “La Gocc a la Rocc:<< Temb c vol, ma u buc t’u a fa >>” = letteralmente: La goccia dice alla roccia:<< Tempo ci vuole, ma il buco te lo faccio >> 
  • “Criste non send l’ang’l d candà, a và sendì l’asn d ragghià!'”= letteralmente: Cristo non sente gli angeli di cantare, figuriamoci se sente gli asini di ragliare. 
  • “Timb e frasc vol la crap ma u’latt u’ava fe” = letteralmente: Tempo e frasche vuole la capra ma il latte prima o poi lo farà. 
  • “C vu frcà u convcin ta da alzà subt ‘o matin” = letteralmente: Se vuoi fregare il tuo vicino devi alzarti presto al mattino